Risoluzione a prima firma Campedelli e sottoscritta anche da Boschini, Serri e Sabattini.

L’Assemblea legislativa della Regione Emilia-Romagna ha votato la risoluzione presentata dal consigliere regionale modenese Pd Enrico Campedelli su Statale 12 e grandi opere. Il documento, firmato anche dai colleghi Boschini, Serri, Sabattini e Rontini, chiede alla giunta regionale di attivarsi nei confronti di Anas per tener fede agli impegni presi al tavolo provinciale modenese sulla Statale 12 Abetone Brennero.

È stata votata in Assemblea legislativa una Risoluzione, primo firmatario il consigliere regionale Enrico Campedelli, che impegna il presidente e la Giunta regionale “a proseguire il suo impegno sulle infrastrutture in particolare la Statale 12 Abetone Brennero, attivandosi con sollecitudine nei confronti di ANAS che è di sua competenza, in relazione con la Giunta provinciale di Modena ed il suo presidente, affinché la società tenga fede agli impegni presi e dia corso alle opere necessarie per sostenere le infrastrutture modenesi”. Il documento, sottoscritto anche dai consiglieri regionali del Pd Giuseppe Boschini, Luciana Serri, Luca Sabattini e Manuela Rontini, chiede inoltre di “sollecitare il Governo a risolvere le ancora incerte sorti della concessione della A22 che darebbero il via per la realizzazione dell’autostrada Cispadana, lo sblocco degli investimenti per il nuovo raccordo tra A22 e A1 e tutte le opere accessorie previste dagli accordi già in essere tra la Provincia di Modena ed Autobrennero e a proseguire nelle politiche e strategie regionali che delineano un modello sostenibile di crescita e sviluppo che tiene assieme la necessaria competitività e attrattività dei territori e la salvaguardia ambientale, come previsto dalla bozza dei documenti definitivi del PRIT in fase di discussione e di prossima votazione da parte dell’Assemblea legislativa”.

“Il tema posto è stato sollevato in molte occasioni dal territorio modenese – affermano i consiglieri del Pd – lo dimostra anche la manifestazione pubblica del 9 marzo 2019, promossa dalla Regione Emilia-Romagna con tutti i firmatari del Patto per il lavoro, alla quale hanno partecipato oltre 600 persone in rappresentanza dei sindacati, del mondo del lavoro e delle imprese artigiane a dell’industria”.

“Ricordiamo inoltre che durante l’incontro convocato dal presidente della Provincia di Modena lo scorso 11 marzo, nel quale erano stati invitati gli eletti modenesi appartenenti a tutte le forze politiche in Parlamento e in Regione, era emersa la disponibilità a condurre un lavoro condiviso per arrivare alla realizzazione delle opere interessate e la volontà dei presenti di avviare un cammino comune per garantire la continuità della crescita e dello sviluppo della nostra comunità regionale”. “Confidiamo che questa disponibilità venga mantenuta fino alla soluzione delle questioni poste e attendiamo in tempi rapidi il rispetto da parte di Anas degli impegni presi”.